mercoledì 16 aprile 2014


Le origini del  daikon sono conosciute sin dall’antichità nell’estremo Oriente, diffuso in tutta l’Asia, dove in diverse medicine popolari è riconosciuto come rimedio benefico dalle molteplici qualità

 
In Italia è conosciuto anche come ravanello bianco o ravanello giapponese; nel Regno Unito viene, invece, chiamato mooli
 
Il termine daikon vuol dire grossa radice commestibile ed infatti ha proprio le sembianze di una radice.
Al daikon sono attribuite incredibili proprietà brucia grassi, infatti, aiuta a metabolizzare i lipidi, per questo si consiglia di consumarlo in un pasto ricco di grassi.

Il daikon facilita la digestione degli alimenti fritti, ha qualità disintossicanti, diuretiche consigliato a chi desidera combattere la ritenzione idrica e la cellulite. 
I segreti del daikon risiedono nella notevole quantità di vitamina C in esso contenuta e nel sulforafano, una molecola che svolge un’azione anti-batterica e anti-edema. A ciò si aggiunge un’altra qualità del daikon: contiene pochissime calorie. 
 
  Oggi vi proponiamo una ricetta davvero ricercata: delle piccole millefoglie di daikon e zucchine arricchite con ricotta di pecora stagionata e una deliziosa e delicata salsa allo zafferano. Ideale per la stagione estiva, veloce ed economica
 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento