martedì 29 dicembre 2015

Insalata di rinforzo napoletana

L’insalata di rinforzo è un piatto tipico della tradizione gastronomica napoletana e costituisce una delle portate del tradizionale menù napoletano delle feste.

L’ insalata di rinforzo a Napoli è una delle portate che non deve assolutamente mancare se si vuole preparare il menù della vigilia di Natale secondo la tradizione gastronomica napoletana più autentica.
Della ricetta sicuramente incuriosisce il nome: perché questa insalata si chiama “di rinforzo”?
Ci sono diverse spiegazioni. Quella più diffusa, secondo la quale il nome deriva dal fatto che l’insalata, man mano che si consuma, va rinforzata aggiungendo nuovi ingredienti, è in realtà un luogo comune, che ha però origine dalla pratica: questa insalata accompagna tutto il periodo natalizio fino al Capodanno e, quindi, partendo dalla Vigilia con gli ingredienti base come cavolfiore, olive, capperi ed acciughe, si rinnova (rinforza?) via via nei giorni successivi integrando quello che è già stato mangiato o aggiungendo altri ingredienti.
Qualcuno ha anche attribuito il termine “rinforzo” all’impiego dell’aceto ed al sale di acciughe e capperi che rafforzerebbero il sapore del cavolfiore, mentre altri ritengono l’insalata un rinforzo dell’appetito in quanto per la presenza dell’aceto lo stimolerebbe tra una portata e l’altra.
In realtà ad essere rinforzata non è né l’insalata né tanto meno l’appetito, perché secondo la tradizione la cena della Vigilia di Natale doveva essere invece leggera, di magro: l’insalata, allora, non poteva che rinforzare questa cena stessa, rendendola così più sostanziosa.
Si può ora comprendere il significato del nome della ricetta dell’insalata di rinforzo a Napoli: esso trae origine proprio dalla vecchia usanza di impiegare questa portata per rinforzare (rendere più sostanziosa) la cena “leggera” di magro della Vigilia costituita un tempo solo da spaghetti e qualche piatto di pesce.


Qui nella fondina triangolare in foglia di palma biodegradabile e compostabile




Nessun commento:

Posta un commento